BUON COMPLEANNO TRUPY!

Di nespole, orsetti e anche di soldi.

Piccolo disclaimer: se sei arrivat* qui da un link di un social network, perché non ti iscrivi?

Ovvero clicchi sul tasto subscribe dando un senso al fatto che Casa Lamarta sia una newsletter?

Così il nostro smetterà di essere un incontro casuale e fortuito diventando un appuntamento settimanale, insomma come lo yoga o l’analista.


Sulla terrazza di Casa Lamarta è tutto un fiorire, sono fioriti anche i cactus, il basilico va già scacchiato (sennò poi diventa amaro) e abbiamo anche dei microlimoni sul limone.


I rapporti tra le ragatte seguono le regole consuete esemplificati nelle foto che seguono e che possono essere riassunti in un Everyone loves Trupy!


La più amata della casa, mercoledì compie un anno.

Io e Marito organizzeremo una piccola festa in famiglia e prepareremo una torta al tonno con l’aiuto di Carriefisher.

Aryastark ha detto che lei non ha tempo di aiutarci ma le ha già preso una pallina nuova.

La Trupy è arrivata a Casa Lamarta a ferragosto 2020 durante la nostra annuale villeggiatura in Calabria.

Appena una ventina di giorni prima, a noi si era unita Aryastark e la famiglia era passata da un “2 umani vs una felina” a un “situazione paritaria”.

Un bel giorno Marito ode dei miagolii piuttosto decisi provenire dal magazzino del giardino.

Era La Trupy, all’inizio scambiata per maschio data la dimensione delle zampe e quindi battezzata Geniale come il santo protettore del paese.

Dopo 24 ore di riflessione, durante le quali le abbiamo comunque preparato una cuccetta e fornito pappa a intervalli regolari, La Trupy è stata adottata e siamo così diventati una famiglia a maggioranza felina.

La prima cosa che ha fatto La Trupy appena presa in braccio è stata mettersi a ciucciare, cosa che non ha ancora smesso di fare.


VEDO, LEGGO

Nelle mie peregrinazioni tra serie e film in spagnolo mi sono imbattuta in El inocente (Netflix) di cui ha scritto buone cose il, da me, molto stimato Antonio Dipollina su Repubblica.

Anche se lui la chiama con il titolo internazionale (Suburbia Killer) è la stessa serie di cui parlo io.

Il bello di El inocente , tratta da un romanzo di Harlan Coben, è il continuo scoprire cose orribili e terribili sui protagonisti, il che fa continuamente cambiare idea e prospettiva facendoci capire che quelli per cui, magari, tifavamo, sono più brutti e cattivi di quelli che sembravano migliori o almeno meno peggio di loro.

Dal punto vista estetico, segnalo la notevolissima acconciatura della inspectora Ortiz (interpretata da Alexandra Jiménez ), indomabile poliziotta dal passatio difficile che risolverà questo caso di complessità assoluta. Tenderei ad attribuirlo all’influenza di Raffaella Carrà sulla cultura iberica.


Sempre in ambito di studio dello spagnolo sto audioleggendo Ritos de muerte (Riti di Morte) di Alicia Giménez Bartlett.

La serie di Sky su Petra Delicado non mi era piaciuta affatto, il libro invece parecchio.

Au contraire, la serie tratta dal (da me) molto amato e letto ben due volte (una in italiano e una inglese) La ferrovia sotterranea (Amazon) mi sta piacendo e credo che andrò avanti.


Oggi è il 24 maggio e il 24 maggio del 1991 è uscito Thelma e Louise, così per dire.


FRUTTA DI STAGIONE

Sta per arrivare la stagione delle nespole: quelle che trovate in questi giorni dai fruttaroli (non a Roma frutterie, credo) o nei supermercati probabilmente sono a km molto più che zero perché quelle dell’albero del giardino dei miei genitori sono ancora acerbe come anche quelle sugli alberi del parco qui vicino.

Ecco insomma, cercandole, le nespole si trovano anche a soldi zero oltre che km zero.

Sappiate che le nespole contengono tante vitamine (A, C, B) e hanno pochissime calorie (30 x 100 grammi). Hanno proprietà anti-infiammatorie, astringenti e diuretiche, contengono pectina e quindi aiutano ad abbassare il colesterolo cattivo, sono antipiretiche e aiutano a indurre senso di sazietà.

Quindi, direi che: viva le nespole, daje nespole!

Si trovano anche le ciliegie e costano parecchio, almeno per ora.


ANIMALI VERI E FINTI

Non so perché ma mi sono domandata per quale accidenti di motivo il pupazzo più diffuso tra i bambini del mondo occidentale sia l’orsetto di peluche.

Pare che la responsabilità si da attribuire a Theodore Roosevelt, 26° presdente USA.

E’ una storia abbastanza orrenda, almeno secondo me. La trovate qui

Niente truculenze e animali finti ma solo miagolii, guaiti e versi vari su The Pet collective che sta su YT ma anche sulle smart tv ed è una carrellata infinita di animalini pucciosissimi che fanno cose tenerisisme e buffissime.

Tutto adorabilissimo.


FANTAUPAS

(RIFLESSIONI NON RICHIESTE SU UN POSTO AL SOLE)

Non credo che il pigmalionismo di Giulia verso Clara porterà a molto.

Ho ragionevoli certezze sull’imminente ritorno di Marina, spero che Vittorio trovi Alex avvinghiata a tal Manolo, non vedo l’ora che Filippo si operi perché mi sta venendo l’ansia.

Interrotto sul nascere il bromance Franco Boschi + Nicola Jodice, adesso si prospetta una combriccola a delinquere tra Pietro Abbate e Alberto Palladini con il perfido Menkov dietro le quinte. No, non si fa così. Mi avete illusa, mannaggia a voi.

E chiudiamo con un paio di domande sulla diafana Lara: sta facendo il doppiogioco? Marina la asfalterà?

Speriamo che la risposta a entrambe le domande sia sì.


MUSICA E ALTRE COSE

Per celebrare la vittoria dei Maneskin all’Eurovision consiglio ben due dischi diversissimi tra loro che sono usciti in questi giorni: La terza estate dell’amore di Cosmo e Novecento di Chef Ragoo.

A me piacciono assai entrambi. Sì, ho gusti eclettici.


Oggi sono prodiga di consigli, e segnalo quindi anche una newsletter che parla di soldi si chiama Segui i mangoddi e la scrive Daniele Della Seta.

Come spiega Daniele è una newsletter “terra terra sulla finanza alta alta”, assai utile a capire cose di cui di solito capiamo tutti poco.

I mangoddi, sono i soldi in giudaico romanesco, che è una lingua parecchio interessante.


Saluti e baci, buona settimana e se trovi nespole senza doverle acquistare fammelo sapere.


Se ti è piaciuta questa edizione di Casa Lamarta puoi mettermi un cuoricino.

Se hai qualcosa da dirmi o chiedermi puoi scrivere nell’apposita casellina dei commenti.

Volendo puoi anche condividere casa Lamarta sui social o girarla a chi ti pare.

Le precedenti edizioni di Casa Lamarta le trovi qui.